STORIA DI FINE 2017 DI UN MILANESE A PUNTATE.

Seconda puntata.

Per proseguire, devo fare un piccolo preambolo. 

Chi lo conosce l’ha notato, per chi non lo sapesse, il milanese ha sempre una strana smorfia simile ad un sorriso (che, ovviamente, non è, scazzato com’è sempre). Sembra piuttosto una paresi, fatto sta che sta sempre coi denti esposti.

Evidentemente la cosa è atavica, poiché quanto vado a raccontarvi risale a trent’anni fa: una calda giornata all’idroscalo di Milano, nella famosa giostra degli specchi.

Lui doveva stare con la paresi pure mentre attraversava le finte porte, fatto sta che ad uno specchio ci arrivò direttamente con l’incisivo destro. 

Metà dente appena cresciuto, ricostruito. 

Passano gli anni, il milanese si trasferisce a Rende, si sposa, si riproduce, insomma, arriviamo ai giorni nostri, mi manda un messaggio vocale mentre era al lavoro che dice: “pogca puttana amoghe! Stavo mangiando un’insalata e mi è pagtito il pezzo di dente ghicostguito!”.

Preoccupato per l’attuale costo di un dente, mi dice che ha salvato il pezzo e finito di mangiare, l’ha incastrato nuovamente.

Da quel momento, per un po’ di volte, si preoccupa di fare questo giochino tutte le volte che mangia.

La mia più grande preoccupazione, invece, in quei giorni, era che ci eravamo innamorati di una casa (quella in cui stiamo attualmente), e dovevamo finalmente andare a firmare il contratto.

Immaginavo scene orribili, all’atto della firma, tipo che mentre diceva il proprio codice fiscale, alla doppia t di rossetti gli partisse il pezzo di dente addosso alla padrona di casa e decidesse di ripensarci! 

Invece va tutto bene fino ad una sera che mentre cammina si ferma improvvisamente e grida: “pogca puttana ho ho ingeghito il dente”!!!

Io trattengo le risate, entriamo in auto, qualche minuto di silenzio tombale (persino Mia, che in auto canta e parla in continuazione decide di tacere), ad un certo punto si volta verso di me e con lo sguardo disperato mi dice: “ma io non lo so, io questa fine 2017 non la capisco, e pghima fogse la celiachia, e oga il dente…. Ma io sto andando in decomposizione, mi sto avaghiando!”.
To be continued…

2 pensieri su “STORIA DI FINE 2017 DI UN MILANESE A PUNTATE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.