Le nostre Piccole Stelle non si toccano

Mi faccio portavoce delle mamme che portano i propri figli presso l’asilo “Piccole Stelle”, finito in questi giorni sulle pagine di cronaca cosentina.

Argomento molto spinoso, vorrei ricordare che solitamente, davanti a casi reali di abusi su minori, intervengono le autorità preposte.

Che in questo caso hanno raccolto la denuncia dell’insegnante malmenata, delle colleghe e della dirigente.

La giustizia fai da te non porta mai da nessuna parte. Lo dico da mamma, la cui missione è quella di essere da buon esempio a mia figlia: aggredire una persona è già degradante. Senza prove certe, diventa far west.

Alcune delle mie più care amiche portano i propri figli nell’asilo in questione.

Donne, come è giusto che sia, estremamente attente a tutto.

Che non solo si schierano apertamente verso il personale coinvolto, ma che, attraverso me, vogliono dare una risposta alle solite persone che si sentono sempre meglio di qualcun altro.

Le polemiche si placheranno, si sa, presto si parlerà d’altro.

Ma sarebbe bello che le persone hanno gettato fango, facessero un passo indietro.

Io per prima, per essermi apertamente schierata contro la giustizia fai da te, ho ricevuto offese.

Di seguito la loro lettera.

In merito all’accaduto riguardo i presunti maltrattamenti all’interno dell’asilo privato a Cosenza di cui si è tanto parlato in questi giorni, oggi vorremmo rispondere a tutte quelle signore che si sono concesse in facili pregiudizi ed eccessivi appellativi, prima ancora di verificare l’attendibilità di quanto riportato sui social. Alle signore che hanno definito, noi mamme che difendiamo l’asilo, mamme ”di merda snaturate”, vorrei rassicurarle chiarendo che non abbiamo alcun timore dell’asilo e che non abbiamo nessuna simpatia da accaparrarci all’interno della presidenza.
Noi semplicemente riponiamo la nostra fiducia in una struttura che per anni abbiamo visto operare eccellentemente. La stessa struttura che ha sempre autorizzato, anche senza preavviso, l’ingresso di qualsiasi mamma che abbia sentito la necessità di osservare il figlio all’interno della struttura per assicurarsi della sua tranquillità.

Noi tutte ci fidiamo dell’asilo perché per noi è una grande famiglia alla quale siamo tutte molte legate. Per fortuna verrano effettuate le indagini del caso e a svolgerle saranno organi competenti, piuttosto che la voce dei pettegolezzi.

Firmato:
Mamme Emilia, Angela, Lucia , Federica, Maria Lucia, Daniela, Tommasina, Gilda, Flavia, Pamela , Anna, Tiziana e Andrea, Valentina, Rosa e Valentina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.