Amalia Gordano


Sono MaCS perché in uno dei momenti bui della vita un’amica mi ha iscritto e, così, per magia, sono entrata da quella porta per non uscirne più. Quando varchi una soglia senza quasi nemmeno rendertene conto, non hai aspettative e così fu per me, catapultata in un megagruppo senza capire fino in fondo cosa rappresentasse… che c’entra che mi ero appena iscritta anche su facebook e, quindi, annaspavo per orientarmi proprio in generale, ma vabbè…, questa è un’altra cosa!
Il mio guscio di pensieri, rimuginati in tutte le salse del mondo, fu appena appena scalfito dalla raffica di post delle MaCS, ma era quanto bastava a far entrare la luce di una nuova prospettiva… il punto era che non si capiva quale!, sono talmente tante, che ti ritrovi immersa in una normalità che ti avvolge nel suo turbinio… e si che ci sono tanti gruppi, ma respiravo aria di casa…
Non conta se il problema è legale o un pannolino che perde, se hai appena visto un test di gravidanza positivo o se è spuntato un brufolo blu, se hai paura dell’inserimento di tuo figlio a scuola o soltanto delle storie del “ParanormalMaCS”, se ti senti che stai per esplodere o non hai digerito il comportamento dell’isterica sul marciapiede, se stai cercando un vestito uguale a tua figlia o se hai ritrovato un mazzo di chiavi, se hai bisogno di aiuto o se sei così grande da dimenticare i tuoi problemi per aiutare chi sta peggio di te, se vuoi notizie sul sesto mese di gravidanza o se ti preoccupi del tempo al mare, se non ti convince quello sfogo sul braccio o se hai dimenticato dove abbiamo lo sconto, se devi affrontare la celiachia o se devi placare l’ira verso chi ti crede in attesa mentre sei solo ingrassata, se cerchi una piscina sicura per bambini o un degno sostituto del Bimbostore, se sei orgogliosa dell’ultima conquista dei tuoi figli o se non ti piace la tua faccia nell’ultima foto, se la tua vicina ha la musica a palla o se sei mamma ancora solo nel cuore…
Insomma, chi non ha dubbi?!… esistenziali o terra terra che siano,… solo gli imbecilli sono sempre sicuri. Ogni mamma è un universo a sé, con dubbi, paure, speranze, aspirazioni, sogni, debolezze, sorrisi e, come scriveva C.S. Lewis, un’amicizia nasce quando una persona dice ad un’altra “Cosa? Anche tu? Credevo di essere l’unica!”… tutto sta nel creare l’atmosfera giusta perché si abbia il coraggio di confrontarsi… facile, no?!… no!, è una magia saper mettere insieme sane follie e attingere forza da ciò. Un sindaco potrebbe anche decidere di ascoltare una mamma, ma puoi immaginare che rifiuti di ascoltare una delegazione MaCS?!
Inutile dare definizioni, non so perché sono MaCS!!!… so solo che la prima volta che mi sono chiesta come avrei risposto a questa domanda, d’istinto ho pensato che era pressoché impossibile, perché la identifico con il chiedere perché sono mamma e, beh, questa non è una domanda… è un mondo racchiuso in un punto interrogativo… troppo grande da riordinare in un foglio, ma mai troppo per il cuore di una donna.
Amalia Gordano

Un pensiero su “Amalia Gordano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.